UFFICIALE – David Silva firma con la Real Sociedad: beffa per la Lazio

David Silva firma a sorpresa con la Real Sociedad nel giorno dell’addio al Manchester City. Grossa beffa per la Lazio, che la scorsa settimana aveva trovato l’accordo con il calciatore. Poi l’inserimento (chiacchierato) della Juventus di Andrea Pirlo e la richiesta dell’attaccante di altro tempo per riflettere prima di prendere una decisione definitiva. Alla fine non giocherà in Serie A il prossimo anno, ma è ufficiale il suo ritorno in Liga.

UFFICIALE – David Silva firma con la Real Sociedad

MANCHESTER, ENGLAND – JANUARY 29: David Silva of Manchester City during the Carabao Cup Semi Final match between Manchester City and Manchester United at Etihad Stadium on January 29, 2020 in Manchester, England. (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

“La Real Sociedad ha raggiunto un accordo con David Silva, con il calciatore delle Canarie che giocherà per la squadra del Txuri Urdin per le prossime due stagioni: fino al 30 giugno 2022. Il giocatore, che arriva da svincolato dopo l’esperienza al Manchester City, si aggregherà all’inizio della preparazione per la prossima stagione”.

A livello di club ha vinto una Coppa del Re (2007-2008), due Coppe d’Inghilterra (2010-2011, 2018-2019), quattro campionati inglesi (2011-2012, 2013-2014, 2017-2018 e 2018-2019) tre Community Shield (2012, 2018 e 2019), cinque Coppe di Lega inglesi (2013-2014, 2015-2016, 2017-2018, 2018-2019, 2019-2020). Con la nazionale spagnola ha vinto il campionato d’Europa del 2008 e del 2012 e il campionato del mondo del 2010.

Le caratteristiche

Soprannominato El Chino per via delle origini giapponesi e Merlino per le sue giocate assai tecniche in campo, Silva è tra gli esterni più talentuosi del suo periodo. Ai tempi del Valencia, David Silva era spesso schierato come ala sinistra, pur sapendo giocare sapientemente anche da mezza punta; il suo ruolo madre resta comunque il trequartista, avendo un’ottima visione di gioco che gli consente spesso di fare assist decisivi, pre-assist e spesso anche di inserirsi e cercare la conclusione a rete. Riesce a gestire il gioco velocemente e con lucidità, dettando il ritmo in modo intelligente. Ottimo dribblatore, rapido, bravo nelle verticalizzazioni, tra i migliori assist-man del panorama calcistico mondiale, è definito, assieme al connazionale Xavi, il re del “pre-assist”, ovvero quel giocatore «in grado di fornire il passaggio al compagno che lo trasformerà nell’assist vincente».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy