Getafe-Villarreal scuote il calcio spagnolo: le due società accusate di presunta combine

Un nuovo caso di presunta combine scuote il mondo del calcio internazionale. Nelle ultime ore numerose accuse sono arrivate ai danni del Getafe e del Villarreal. Le due compagini sono state accusate di aver raggiunto tra di loro un accordo in occasione della sfida terminata 2-2. Secondo quanto riferisce la stampa spagnola nel mirino della procura sarebbero finiti alcuni messaggi del capitano del Getafe Jorge Molina. Il contenuto di questi messaggi rivelerebbe i nomi di alcuni calciatori del Villarreal coinvolti. Il capitano ha smentito qualsiasi suo coinvolgimento rimettendo tutto nelle mani del proprio avvocato. Anche le due squadre si sono difese tramite i propri portali ufficiali.

BUNDESLIGA, SI RIPARTE. CLICCA QUI PER I DETTAGLI

Getafe-Villarreal, la difesa

Getafe-Villarreal, l'accusa

Il Getafe, tramite i propri canali social, ha chiarito la propria posizione e quella del proprio giocatore:

“Il Getafe vuole fornire un sostegno al suo capitano e si rammarica delle gravi violazioni del diritto elementare alla presunzione di innocenza. Vogliamo diffondere un messaggio di rifiuto e negare categoricamente qualsiasi implicazione relativa a questa materia e a questo tipo di condotta. Dichiariamo che il Club si riserva il diritto di esercitare qualsiasi azione civile o penale. Getafe CF condanna pubblicamente questo tipo di condotta e non tollererà che la sua reputazione sia offuscata, né sarà messa in dubbio la sua integrità.

Chiara anche la posizione del Villarreal che sottolinea i valori della propria squadra e minaccia di far partire nuove azioni legali:

“Sia il Villarreal CF che la sua prima squadra vogliono mostrare il loro rifiuto assoluto delle accuse ricevute nelle ultime ore. Il club condanna e ripudia tutti questi tipi di comportamento che danneggiano l’essenza dello sport e della competizione e ribadisce i suoi principi di trasparenza, etica, integrità e correttezza. La società studierà e valuterà la possibilità di intraprendere un’azione legale in questa situazione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy