Nuova vita per Floro Flores: comincia la carriera da allenatore, ipotesi Casertana

Antonio Floro Flores pochi mesi fa ha comunicato il ritiro dal calcio giocato. L’ex attaccante napoletano ha collezionato nel corso della sua carriera in giro per l’Italia 572 presenze tra i professionisti. Adesso è tempo di cominciare una vita nuova, ma sembra legata a quel rettangolo verde che gli ha dato tanto. Secondo quanto riferisce Sky Sport, infatti, la sua carriera da allenatore potrebbe partire da dove ha finito come calciatore. La Casertana è stata casa sua nei due anni precedenti alla decisione del ritiro, annunciata il 29 gennaio scorso.

Floro Flores allenatore: ipotesi giovanili della Casertana

VERONA, ITALY – APRIL 20: Antonio Floro Flores of AC Chievo Verona celebrates his goal during the Serie A match between AC Chievo Verona and Frosinone Calcio at Stadio Marc’Antonio Bentegodi on April 20, 2016 in Verona, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Ancora da definire quale formazione guiderà, ma certamente sarà una del settore giovanile della Casertana. Il napoletano partirà con i giovani, ma prima dovrà conseguire il patentino da allenatore. Soltanto allora potrà cominciare la sua seconda vita, quella in panchina.

Il passato a Napoli

Floro Flores, le parole sul Napoli
GENOA, ITALY – NOVEMBER 03: Antonio Floro Flores of US Sassuolo Calcio celebrates his goal (1:3) during the Serie A match between UC Sampdoria v US Sassuolo Calcio at Stadio Luigi Ferraris on November 3, 2013 in Genoa, (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

In passato il calciatore aveva fatto chiarezza sul presunto tradimento al Napoli, quando – si diceva – non avesse accettato di ripartire dalle serie minori dopo il fallimento del club. Questa la sua risposta a tuttomercatoweb:

“E io aspetto fino al 9 settembre nella speranza che il nuovo Napoli potesse chiamarmi. Aspetto ma nulla, la società altre idee. Ci può stare, ma ciò che mi ha fatto più male è stato quello che è accaduto dopo. In quel momento sono passato come il traditore, come il giocatore nato a Napoli che non voleva aiutare il Napoli nel momento di difficoltà. Non è mai stato così, anzi.

Giocare nel Napoli è sempre stato il mio sogno, invece fu detto che rifiutai gli azzurri per la Nazionale. Io ho la coscienza apposto. Ma commisi l’errore di non raccontare la verità, di far passare la versione del nuovo Napoli. Fu dura, venivo cacciato dai ristoranti perché passò il messaggio che io avevo rifiutato Napoli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy