Mondragone, ancora tensione: in fiamme un furgoncino. La posizione di De Luca

Il focolaio di Coronavirus a Mondragone continua a creare tensione tra i residenti. Stando a quanto riferisce l’ANSA, nella nottata c’è stato l’intervento dei vigili del fuoco a causa dell’incendio di un furgoncino. Dalle prime ricostruzione l’origine pare dolosa.

“Verso le 2 i vigili del fuoco sono intervenuti per l’incendio di un furgoncino in viale Margherita, a ridosso dei palazzi.
Il mezzo dovrebbe essere di proprietà di un bulgaro. Dai primi accertamenti sembra che la causa sia dolosa e che sia stata usata una bottiglia incendiaria”.

Le parole di De Luca sul focolaio di Coronavirus a Mondragone

De Luca Coronavirus Mondragone

Il governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha detto la propria in merito al focolaio nel casertano.

“Sono qui per verificare quanto sta accadendo. Ci sono cinque palazzine in cui abbiamo individuato dei soggetti positivi. Le palazzine sono in quarantena e stiamo lavorando per garantire sicurezza. Questa situazione di Mondragone è così da anni e nessuno si è accorto di nulla. Dovevamo mettere l’intera città in quarantena o fare quello che stiamo facendo. Non abbiamo voluto bloccare gli esami e le attività economiche. Stiamo provando una nuova soluzione che, però, prevede un mano anche da parte dei cittadini. O si rischia di mettere in quarantena l’intera comunità.

Abbiamo fatto i tamponi a tutte le palazzine che devono stare in quarantena per i prossimi 14 giorni. Ho parlato con il Ministro dell’Interno perchè alcuni erano scappati e arrivati nella Piana del Sele. Entro questa sera ho richiesto l’arrivo di eserciti e forze dell’ordine. La Protezione Civile deve garantire cibo e farmaci. Siamo e persone civili, senza distinzione. Dobbiamo capire se nei bar o ristoranti vicini qualcuno si è infetto. Ci saranno camper e tutti, in modo volontario, potranno sottoporsi al tampone. Se dovessimo avere 100 positivi, tutta la città andrebbe in quarantena. Stiamo facendo quello che non è stato fatto negli ultimi 10 anni. Tutti devono rispettare la quarantena e nessuno esce o entra dalle cinque palazzine. Sono venuto per vedere se gli impegni vengono mantenuti. Se sarà così nei prossimi giorni riusciremo a spegnere questo focolaio senza fare danni economici.

Chiediamo una collaborazione agli imprenditori agricoli per evitare assembramenti. Quando avremo queste segnalazioni faremo lo screening anche sugli stagionali. Facciamo questo per rendere la regione sicura. Possiamo spegnere questo focolaio ma solo con la collaborazione dei cittadini e delle istituzioni”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy