Compleanno Cavani, gli auguri SSC Napoli: gol compilation da brividi | VIDEO

Edinson Cavani compie oggi 33 anni: il Napoli gli fa gli auguri con un video da brividi. Tutti i gol più belli segnati in maglia azzurra dal 2010 al 2013.

NAPLES, ITALY – MAY 12. Edinson Cavani of Napoli celebrates the victory after the Serie A match between SSC Napoli and AC Siena. Stadio San Paolo on May 12, 2013 in Naples, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

La storia di Cavani a Napoli

Il 22 luglio 2010 è ufficializzato il suo passaggio dal Palermo al Napoli, in cambio di € 17 milioni (5 per il prestito oneroso e i restanti 12 fissati come obbligo di riscatto). Il calciatore firma un contratto fino al 2015. Sceglie ancora la maglia numero 7, cedutagli dal nuovo compagno di squadra Ezequiel Lavezzi che invece prende la maglia numero 22.

NAPLES, ITALY – DECEMBER 19. Edinson Cavani of SSC Napoli celebrates after scoring a goal during the Serie A match between Napoli and Lecce. Stadio San Paolo on December 19, 2010 in Naples, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Il tridente con Hamsik e Lavezzi

L’allenatore Walter Mazzarri lo schiera come terminale offensivo nel suo 3-4-2-1, ruolo a lui più congeniale, con Marek Hamšík e lo stesso Lavezzi a supporto. Esordisce in maglia azzurra il 19 agosto 2010, nell’andata dei play-off di Europa League contro gli svedesi dell’Elfsborg (2-0); una settimana dopo firma i suoi primi gol con la maglia partenopea e in assoluto in una competizione europea, decidendo con una doppietta la partita di ritorno in Svezia. All’esordio in Serie A con la nuova maglia realizza il gol del momentaneo 0-1 nella gara giocata in Toscana contro la Fiorentina, terminata poi 1-1. Il 3 aprile 2011 supera lo storico record di Antonio Vojak (22 reti), che resisteva da settantotto anni. Decisiva la quarta tripletta stagionale nel 4-3 casalingo ai danni della Lazio. Conta 47 presenze e 33 reti complessive alla prima stagione partenopea (26 in campionato e 7 in Europa League), recitando un ruolo da protagonista nella qualificazione diretta in Champions League.

Riscattato dal Napoli secondo gli accordi presi, il 14 settembre 2011 esordisce in Champions League segnando il gol del vantaggio nella prima partita della fase a gironi giocata in trasferta contro il Manchester City (1-1). Quattro giorni dopo trova i primi gol in campionato firmando una tripletta ai danni dei campioni in carica del Milan (3-1), ed è così il primo calciatore a portarsi a casa il pallone della partita, trofeo che proprio a partire dalla stagione 2011-2012 viene assegnato a chi realizza tre o più gol in una partita. Il 23 gennaio 2012 viene inserito nella miglior formazione del 2011 del Gran Galà del calcio AIC. Nel complesso realizza 23 gol in campionato e 5 in Champions League.

Il primo trofeo italiano

Cavani durante AIK-Napoli (1-2) del 2012, sfida di Europa League che varrà la qualificazione ai sedicesimi.
Il 20 maggio segna il gol che sblocca la finale di Coppa Italia contro la Juventus, poi vinta per 2-0 dal Napoli, ottenendo così il suo primo trofeo in Italia; in questa competizione realizza cinque reti, che gli valgono il titolo di capocannoniere del torneo. Chiude la seconda stagione in azzurro con 48 presenze e 33 reti, eguagliando pertanto lo score personale della stagione precedente.

Apre la stagione successiva segnando uno dei due gol del Napoli nella finale della Supercoppa italiana persa per 4-2 in favore della Juventus. L’8 novembre 2012 sigla l’intera quaterna (la prima in carriera) nel 4-2 casalingo contro gli ucraini del Dnipro, nell’incontro valido per la quarta giornata della fase a gironi dell’Europa League.

Il 27 gennaio seguente, per il secondo anno consecutivo, viene inserito nella miglior formazione del 2012 del Gran Galà del calcio AIC. Chiude il campionato con 29 reti in 34 partite, diventando il secondo giocatore del Napoli, dopo Diego Armando Maradona, a vincere la classifica cannonieri del campionato di Serie A. Il 27 gennaio 2014, per il terzo anno consecutivo, viene inserito nella miglior formazione del 2013 del Gran Galà del calcio AIC.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy