Castellacci: “Il protocollo va chiarito. Noi medici del calcio non siamo stati interpellati”

Intervenuto ai microfoni di Radio Punto NuovoEnrico Castellacci, ha parlato della possibile ripresa degli allenamenti e del campionato. Il presidente dell’associazione medici italiani calcio si è soffermato sul protocollo sanitario prodotto per favorire il calcio di inizio. Di seguito quanto messo in evidenza.

CLICCA QUI PER LEGGERE LE PAROLE DI NICCHI

Le parole di Castellacci

Castellacci, le parole

“La valenza che può aver avuto il professore Ricciardi all’interno dei tavoli, mi risulta sconosciuta e mi ha lasciato con tante perplessità. La cosa che si evidenzia è questa. Noi medici del calcio avevamo rilevato quanto fossero contraddittori alcuni punti del protocollo. Bastava che prima di essere inviati alla commissione tecnico-scientifica, venivano inviate a noi e avremmo valutato le perplessità. Come si fa a non invitare i medici del calcio? Va invitata con un ruolo federale. Andava invitata anche quella medico-sportiva, di modo che tutte le componenti fossero chiamate in causa e ripartire. La federazione medico-sportiva ha lanciato le proprie linee guida. Noi non siamo stati interpellati e sono usciti fuori protocolli senza tener conto delle realtà.

Casomai un giocatore si ammala che si fa? Tutto questo va chiarito. Ci sono alcuni punti che vanno chiariti perché il protocollo sanitario è fondamentale che possa essere realizzato. Non ha senso farlo se sono linee guida non perseguibili. Siamo sicuri che si possano creare 20 piccole strutture completamente isolate dall’esterno? Che ci siano alberghi ospitanti vicini con personale che resta in quarantena? Siamo sicuri di avere tutti i tamponi che servono? Mi fanno sempre l’esempio della Germania, ma quello è un altro mondo. Una volta visti questi protocolli, i medici devono assicurare ogni disposizioni, all’unanimità poi si procede”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy