Braglia: “Gli arbitri stanno diventando degli automi, Massa ha sbagliato”

Simone Braglia, ex portiere del Genoa e del Milan, è intervenuto ai microfoni di TMW Radio per parlare dell’espulsione di Lorenzo Insigne e della sconfitta del Napoli con l’Inter. Secondo l’ex n.1 le parate di Handanovic e l’arbitraggio di Massa hanno deciso la gara in favore dei nerazzurri, nel caso del fischietto anche ingiustamente. Il rosso al capitano partenopeo è stato oggetto di moviola in qualsiasi programma televisivo, dato che senza quell’espulsione forse gli azzurri avrebbero riacciuffato il match.

LE PAROLE DI SIMONE BRAGLIA

inter napoli moviola

Di seguito le parole di Simone Braglia, ex portiere, sull’espulsione di Insigne e sull’alternanza dei portieri azzurri.

“Il miglior portiere di questa giornata? Le parate di Handanovic sono molto più redditizie rispetto agli altri. Ha fatto dei grandi interventi, per esempio su Politano. Arrivava da un periodo poco felice, ma ha fatto delle parate vitali per lui e per l’Inter. La Juventus sta migliorando, ma credo che il campionato al momento sia un obiettivo secondario, è anche plausibile dopo tutti questi scudetti consecutivi. Si sta preparando per la Champions. Agnelli ci tiene al campionato? A parole, gli interessa andare avanti in Champions.

I portieri del Napoli? Non sono d’accordo con Gattuso sull’alternanza dei portieri tra Ospina e Meret. È una cosa che non porta benefici nel gruppo. Ogni portiere ha una propria soggettività e i difensori sentono la differenza. Il discorso di alternare i portieri è una piccola negatività che può inficiare sul risultato finale. L’intesa che c’è tra portiere e difesa è una cosa semplice ma complicata al tempo stesso. L’espulsione di Insigne è stata ingiusta, gli arbitri stanno diventando degli automi. Una volta ci si mandava a quel paese anche con i fischietti. L’errore di Massa c’è, non puoi rovinare una partita così, punendo un giocatore in quella maniera in un momento chiave”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy