Amarcord Napoli-Bologna, Insigne e Mertens in versione api furibonde: e quell’espressione di Dries alla Ibra… – VIDEO!

Nel nostro amarcord di oggi vi parleremo di quello che non a torto si può definire un classico contemporaneo. Ebbene sì, parliamo di uno dei calciatori più importanti del Napoli degli ultimi 20 anni: Dries Mertens. Com’è noto, il folletto belga – oltre a essere entrato irrimediabilmente nel cuore dei supporters partenopei – è anche in vetta alla classifica dei goleador che hanno reso grande il Napoli.

Napoli-Bologna, il nostro amarcord

getty

L’amarcord di oggi ci riporta indietro di tre anni, a quel Napoli Bologna del 2018 che ha visto i padroni di casa trionfare per tre a uno. Veniamo alla cronaca del match per rivivere quelle emozioni! Al pronti via gli azzurri devono subito difendersi dall’attacco dei rossoblù. La manovra è orchestrata dall’ex di turno, quel Blerim Dzemaili che – diciamolo pure – non ha mai veramente convinto all’ombra del Vesuvio.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!

Sugli sviluppi dell’azione, quella vecchia volpe di Rodrigo Palacio (tutt’ora in attività!) uccella un distratto Koulibaly e di testa la insacca dopo aver baciato il palo alla sinistra di Reina. Napoli gelato! Il pari azzurro arriva grazie a un tiro-cross di Mario Rui che ristabilisce subito l’ordine di inizio gara.

SEGUICI SU FACEBOOK!

A quel punto è un monologo della banda Sarri ed è, come preannunciato, Dries Mertens a salire in cattedra. L’ex PSV inizia il suo show con un rigore che trafigge il portiere senza appello. Il capolavoro però arriva nella ripresa. Quanta bellezza: Insigne e Mertens duettano sulla trequarti avversaria. Sono due piccole api furibonde (direbbe la compianta Alda Merini) pronte a pungere la retroguardia ospite. Quando Dries riceve il pallone a limite dell’area leggermente defilato sull’out di destra, stringe verso il centro e tira a giro sul secondo palo. Il San Paolo esplode, Dries fa sì con la testa come Ibra. Sembra strafiero di questa sua prodezza, e come dargli torto? Il Napoli può proseguire la sua folle corsa per il terzo scudetto. Peccato per il triste epilogo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy