Onofri: "Kouamè può migliorare. Romero non è Koulibaly. Insieme in campo? Prendetelo subito"

In diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’, trasmissione condotta da Umberto Chiariello su Radio CRC, è intervenuto Claudio Onofri:

"Dopo il cambio di allenatore acquisti anche importanti, ma che non erano conosciuti, si poteva aspettare un calo. Ancelotti però è riuscito a dare un’impronta a questa squadra, responsabilizzando tutti. Questo è forse anche un passo in avanti rispetto alla gestione Sarri, quando qualcuno si lamentava un pochino. Io sostengo sempre che per diventare grande società e squadra bisogna avere sempre avere lo stesso atteggiamento e le stesse responsabilità a tutti i giocatori. Io stimo tantissimo Sarri, anche quando lo vedevo in serie C, ma questo forse è un modo di intraprendere un percorso che aumenta il valore della società stessa. Carlo Ancelotti sta facendo davvero delle cose importanti.

Kouame? È un ragazzo che adoro. È un personaggio che adoro anche a livello di comunicazione. Che persona è? Ha una comunicazione sia individuale che a livello di stampa che sembra un ingegnere che sembra sia capitato quasi per caso lì a giocare a pallone. È davvero una bella persona. Ad oggi ha fatto pochi gol, ma in campo ruba l’occhio. Ha tante qualità che saranno migliorabili per la testa che si ritrova. Deve imparare a tirare meglio. Kouame è chiaro che dici che uno che ha fatto 3 gol tu mi dici “ eh ma costa 30 milioni” si ma un 98 con una grande testa.

Romero? È davvero forte. Il Genoa l’ha preso ad un milione e 700mila euro. Poi viene qui e lo mettono a giocare anche un po’ in primavera. Vado a vedere all’esordio contro la Juventus, c’è vicino a me Milanetto e gli chiedo “ è vero che gioca Romero?” lui mi dice di sì e io dico “ mamma mia alla Juventus stadium” lui mi dice “ è il più forte difensore che abbiamo”. Dopo 20 minuti l’ho richiamato detto che “hai ragione”. Si è visto che quando lo andavano a pressare CR7 e tutti gli altri non dava un minimo di sensazione di difficoltà. Può sostituire Koulibaly? Non esageriamo, stiamo parlando di un fenomeno. In coppia con Koulibaly? Prendetelo subito anche se non posso dirlo altrimenti qui a Genova mi ammazzano (scherza ndr). Romero non ha il fisico di Koulibaly, ma ha un gran passo e forse anche in fase di costruzione è bravissimo".

REDAZIONE