Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Il dottor Canonico: “Fabian e Insigne out domani. Anguissa può farcela per l’Empoli”

Lorenzo Insigne (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Il dottor Canonico fa il punto sugli infortunati in casa Napoli

Giovanni Ibello

Il dott. Raffaele Canonico, medico sociale della SSC Napoli è intervenuto a Radio Kiss Kiss Napoli e ha fatto il punto sugli infortunati in casa Napoli. Ecco quanto evidenziato da CalcioNapoli1926.it:

Le dichiarazioni del dottor Canonico sugli infortuni del Napoli

 Kalidou Koulibaly (Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

 

 

Su Koulibaly

"Koulibaly ha avuto una distrazione di secondo grado del bicipite femorale. Ha iniziato il suo percorso riabilitativo per ritornare presto in campo. Purtroppo infortuni di questo genere sono abbastanza diffusi in questo momento della stagione. A me non piace mai parlare della prognosi. Anche un raffreddore può durare dai due ai sette giorni. Un infortunio del genere può richiedere un recupero che va tra le 3 e le 5 settimane, è soggettivo. Se è possibile un ritorno per Napoli-Milan? Non è verosimile".

Su Fabian e Insigne

"Non parlerei di infortuni nel loro caso, sono forse dei semplici sovraccarichi. Per recuperare completamente da una partita giocata ci vogliono dalle 48 alle 60 ore. Ce lo dice la scienza, le partite sono troppe e i giocatori non hanno tempo per allenarsi e per recuperare. Nel loro caso credo che sia da escludere che possano giocare domani". 

Su Osimhen

"Il post operatorio di Osimhen procede molto bene. Victor è a casa e si sta allenando in regime domestico. Lavora sul tappeto, aspettiamo l'inizio della settimana prossima per farlo lavorare anche sul campo. La settimana prossima avremo anche un primo controllo radiologico per vedere l'evoluzione delle fratture e valutare il processo di calcificazione delle ossa. In base a quello ragioneremo poi sui tempi di recupero. Tutto quello che è l'aspetto fisico, atletico e tecnico non è un problema. Il problema è capire quando le sue ossa ci possono dare un minimo di garanzia per ragionare su un approccio che preveda anche un trauma come il colpo di testa. Non stiamo parlando di una singola frattura, ma di fratture multiple e scomposte. Sono diverse le zone interessate del volto. Diventa anche più complesso per ragionare su come deve essere strutturata la mascherina".

Su Manolas

"Sta recuperando, ha ricominciato il lavoro personalizzato. Cerchiamo di rivederlo quanto prima al cento per cento".

Su Anguissa

"Vediamo come procede la prima metà della settimana prossima e in base alle risposte che ci dà sul campo vedremo di recuperarlo per l'Empoli".