Renica: “Sono ancora tifoso del Napoli, anche se il calcio oggi regala meno emozioni”

di Maria Ferriero, @m_ferriero
Renica Napoli, il racconto

Il 29 aprile della stagione 1989/1990, il Napoli superava di misura la Lazio e vinceva il secondo Scudetto della sua storia. Una stagione e delle emozioni indescrivibili che vengono fuori dal racconto di Alessandro Renica, protagonista di quella squadra e di quel successo. L’ex difensore dei partenopei si è raccontato ai microfoni del Corriere del Mezzogiorno.

CLICCA QUI PER LE EMOZIONI DEL SECONDO SCUDETTO AZZURRO

Il racconto di Renica

Renica Napoli, il racconto

 

“Eravamo più abituati a vincere, è stata l’ennesima emozione di un ciclo fantastico. Il momento più esaltante fu il crollo del Milan che auspicavamo, avvenne a Verona e per me fu una doppia soddisfazione essendo metà veronese. Il Verona era in lotta per la salvezza, il Milan passò anche in vantaggio, poi ci fu la rimonta con il gol decisivo di Pellegrini. Sono ancora oggi tifoso del Napoli, nel 1990 ci hanno restituito quello dell’88, abbiamo vinto quello che meritavamo di meno. Purtroppo, invece, da qualche anno vince sempre la stessa squadra. A quei tempi c’era imprevedibilità, ora il pallone dà meno emozioni”.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy