Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Corbo: “Rinnovo Insigne? Il calciatore sta avendo un comportamento ineccepibile”

Corbo: “Rinnovo Insigne? Il calciatore sta avendo un comportamento ineccepibile”

Le parole del noto giornalista

Enrico Esposito

A Radio Marte nel corso della trasmissione "Marte Sport Live" il giornalista Antonio Corbo ha rilasciato alcune dichiarazioni su Lorenzo Insigne. In attesa di sviluppi sul rinnovo con il Napoli, l'attaccante sarà chiamato stasera a portare la Nazionale ai Mondiali in Qatar.

Corbo su Insigne

 Lorenzo Insigne (Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

"Spavone? Io non lo conosco ma mi dicono che è molto interessante. Ambidestro, 17 anni, nato il 10 maggio cioè il giorno del primo Scudetto, quindi sotto buone stelle. Mi sono convinto che il manager di Insigne, Pisacane, da una parte vuole trattare per gli interessi del suo assistito ma deve anche fare di tutto per migliorare questo rapporto con De Laurentiis perché lo stesso Spavone poi potrebbe andare all'estero. Sarebbe un motivo in più per tenere sempre in piedi un discorso, che però deve proseguire in silenzio, senza momenti che possano turbare i giocatori. La serenità di Insigne equivale a un pezzettino di Scudetto.Insigne ha sulle spalle una bella fetta di Nazionale. Poi c'è il Napoli, non dimentichiamolo. Si sta comportando in maniera ineccepibile anche Spalletti, gestendolo senza sbilanciarsi a favore della società. Doveroso rispettare la decisione che Insigne reputerà migliore".

Su Jorginho

"Giusto fargli battere il rigore, ha anche acquisito a ripetersi perché in campo tutti notano la sua serietà e la sua partecipazione. Il giocatore ha dato tanto.

Sugli arbitri

"Se parlano possono infiammare situazioni che già scottano e far divampare polemiche. Se si spiegassero però con una via di mezzo sarebbe meglio. Magari delle dirette social come De Luca? Magari le domande a lui le faranno i magistrati. Non è la prima volta che finisce in rotta di collisione con la giustizia. Al di là dei cavalli di battaglia cioè sanità e rifiuti, due disfatte, c'è tutto un mondo che ruota intorno alla Regione che mostra cose buone. Agli arbitri bisogna dare la facoltà dopo la partita di chiarire ciò che lui e il VAR non sono riusciti a rendere chiaro durante il match".

tutte le notizie di