Ilicic cuore d’oro fa felice un giovane tifoso: “Stavano chiudendo lo stadio, ma Josip non ci ha tradito! Ha reso felice mio figlio!”

di Giovanni Ibello
Quello che vi proponiamo stasera è un estratto pubblicato dalla pagina Facebook Calcio Totale (che a sua volta cita come fonte “Begamo esport”). Si parla di Josip Ilicic, il talento sloveno dell’Atalanta. Questa una testimonianza che fa bene al cuore, è la struggente testimonianza di una tifosa della dea che ci vorremmo condividere con voi:

La sensibilità di Josip Ilicic

 “Ciao, mi chiamo Silvia e sono un’accanita appassionata della dea. Vi racconto un aneddoto del 29 dicembre del 2018, e qui viene chiamato in causa il grande uomo e il grande giocatore, Josip Ilicic. Era un sabato, non faceva molto freddo quando in mattinata io e mio figlio Matteo decidiamo di recarci alla volta di Reggio Emilia dove la Dea alle ore 15 avrebbe disputato la partita contro il Sassuolo. Arrivati a destinazione e sempre con un po’ di emozione, ci accomodiamo in tribuna centrale dove finalmente alle 15 esatte ha inizio il match. Risultato finale, 6-2 con tripletta di Ilicic.
Ed ecco il magic Moment: Ilicic viene giustamente premiato a fine gara da Sky come miglior giocatore e si porta a casa il pallone.
A fine intervista Josip si dirige sotto la nostra curva e lancia la sua maglia da gioco. Passa sotto di noi per recarsi negli spogliatoi e qui accade l’incredibile: Matteo, mio figlio, allora dieci anni, suo fan, lo chiama, anche se fermato ma inutilmente dagli steward.
Lui si gira sentendo una voce da bambino, Matteo gli chiede una maglietta che lui non aveva più indosso, ma, e qui arriva l’incredibile, Ilicic gli dice di attendere un attimo. Gli steward ci redarguiscono dicendo che devono chiudere lo stadio e che tutti i giocatori dicono che ritornano indietro e poi non lo fanno… ma a noi non importa, sapevamo che Ilicic non ci avrebbe tradito. Con incommensurabile felicità il nostro numero 72, dopo due minuti riappare tra lo stupore di tutti noi con la maglia usata nel pre riscaldamento e la dona al piccolo Matteo col suo autografo.
Vi ho voluto raccontare questo episodio per fare capire a tutti voi quanto il SIGNOR JOSIP ILICIC abbia un immenso cuore e quanto sia una persona prima e calciatore poi super sensibile”.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy