Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

De Nicola: “Ghoulam? C’è un modo per recuperarlo al 100%. Insigne sa cosa vuole”

(Getty Images)

Nel corso della trasmissione "1 Football Club" in onda su 1 Station Radio è intervenuto Alfonso De Nicola

Sara Ghezzi

Nel corso della trasmissione "1 Football Club" in onda su 1 Station Radio è intervenuto Alfonso De Nicola. L'ex medico sociale del Napoli ha parlato della situazione fisica di alcuni giocatori azzurri che lui conosce bene. In particolare Ghoulam, Zielinski e Insigne.

"Ghoulam? C'è un modo per recuperarlo al 100%. Insigne sa cosa vuole per il suo futuro", le parole di De Nicola

 Lorenzo Insigne (Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

Di seguito le sue parole 1 Station Radio:

Su Ghoulam

"Se Ghoulam si allena come dovrebbe, in modo personalizzato, può recuperare al 100% dagli infortuni. Il problema è: chi può seguirlo in maniera idonea nell’attuale staff?.. Bisognerebbe sfruttare gli allenamenti anche come forma di prevenzione degli infortuni, perché oggigiorno il calcio è foriero di impegni. Il massimo in partita lo dai solo se riesci a dare il massimo anche durante gli allenamenti. È una questione di unione d’intenti: i ragazzi devono essere predisposti mentalmente ad allenarsi bene, ma chi li segue deve essere all’altezza".

Su Osimhen

"Osimhen? Non conosco le sue condizioni, ma so che il Napoli, senza di lui, è un’altra cosa. La diagnosi, come sempre, è la cosa più importante che esiste: se parliamo di contrattura, non c’è ed è meno grave".

Su Insigne

"Insigne? Ci tiene tantissimo a giocare, così come ci tiene tantissimo a restare a vita al Napoli. C’è bisogno di unione d’intenti con la società, ma dobbiamo anche rispettare le scelte di De Laurentiis: siamo venuti dal niente e siamo arrivati nel calcio che conta, dunque dobbiamo affidarci alla società".

Su Zielinski

"Zielinski? È un ragazzo eccezionale, inutile che lo dica io. Ha un fisico da paura, rapidissimo nel gioco di gambe, non è per nulla difficile allenarlo se è predisposto mentalmente. Uno con le sue doti fisiche, spesso oscurate dai suoi piedi sublimi, è soggetto a continui fastidi muscolari che portano squilibri posturali e, sulla lunga, si va incontro ad infortuni. Quando c’ero io, ho introdotto per la prima volta la figura del posturologo nello staff, nessuna squadra di Serie A lo aveva. Grazie a questa intuizione siamo riusciti a fare un grandissimo lavoro di prevenzione e, alla fine delle stagioni, la nostra squadra era sempre quella che aveva il minor numero di infortunati".