Everton, Ancelotti: “Vivere a Napoli è tra le cose più belle, vi spiego com’è finita. Ecco cosa mi chiedevano”

Everton, Ancelotti: “Vivere a Napoli è tra le cose più belle, vi spiego com’è finita. Ecco cosa mi chiedevano”

di Mattia Di Gennaro
Ancelotti su Messi

Carlo Ancelotti, attualmente tecnico dell’Everton, ha parlato ai microfoni del Corriere della Sera anche del suo addio al Napoli. Di seguito i passaggi salienti dell’intervista.

Everton, Ancelotti sull’addio a Napoli

Ancelotti su Messi

Sull’addio al Napoli: “Vivere a Napoli è una delle cose più belle che possano capitare: non è finita bene. De Laurentiis mi ha detto: ho deciso di cambiare. Gli ho risposto: allora cerco un’altra squadra”.

Sul perché della scelta Napoli: “Sono andato a Napoli perché, dopo nove anni all’estero, avevo voglia di tornare in Italia e Napoli mi sembrava una piazza interessante… Diciamo che non è finita bene, ma è stata una buona esperienza. Vivere a Napoli è una delle più belle cose che possano capitare. Poi un po’ per i risultati, un po’ per altre difficoltà, si è chiuso il rapporto. Io vengo esonerato il 12 dicembre, l’Everton ha mandato via l’allenatore ai primi di dicembre, le cose si sono combinate. Coincidenze. De Laurentiis ha detto: “Ho pensato di cambiare”, io gli ho detto “Sei sicuro?”, lui mi ha detto “Sì”, allora io ho detto: “Ok, allora cerco un’altra squadra”. Non avevo voglia di star fermo e farmi pagare senza lavorare. Allenare in Inghilterra è affascinante, e la società dell’Everton è ambiziosa”.

Su ciò che gli ha dato fastidio: “Mi dà fastidio che, quando le cose non vanno bene, mi dicano “Ah, bisogna usare la frusta, sei troppo buono, sei troppo gentile e accomodante coi giocatori!”. Ma dico: i dirigenti al mondo non conoscono come alleno? Non mi puoi prendere e poi dirmi di cambiare il mio modo non solo di allenare: il mio modo di essere. Perché io sono così, e così sono arrivati i successi. Se tu mi dici “Devi usare la frusta!”, è sbagliato, è sbagliato”.

Se questo è successo solo a Napoli: “Ma no, è successo anche al Chelsea, è successo al Paris Saint-Germain… Ho vinto tanto, lo so, ma i momenti difficili ci sono stati dappertutto. Anche al Milan ci sono stati dei passaggi difficilissimi. Però superati. Ecco: forse il Milan è stato l’unico posto dove non mi hanno detto: “Usa la frusta!”. Perché mi conoscevano”.

LEGGI ANCHE—> CdA Napoli è il più pagato della Serie A: 5 milioni per i De Laurentiis e Chiavelli

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. JuianoKrollMaradona - 3 settimane fa

    A prescindere che una societa’che si reputa tra le prime in italia,a ragione,
    l’allenatore top come sostenevano, lo cambia a fine stagione, abbiamo cambiato e vediamo che bei risultati ottenuti,4 sconfitte interne su 5 bel record, questo ha preso la frusta mi sembra,oltre i proclami,x i soloni e’colpa di carletto,
    trovato subito casa all’everton ,il presidentone ha guadagnato sugli ingaggi un paio di milioni, quindi tutto bene…ha fatto anche un affare….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy