Gattuso: “Mertens da valutare, Napoli chance incredibile. Lozano e Meret? Vi spiego perché non giocano”

Gattuso: “Mertens da valutare, Napoli chance incredibile. Lozano e Meret? Vi spiego perché non giocano”

di Mattia Di Gennaro
Gattuso

Gennaro Gattuso, tecnico del Napoli, alle 13:00 ha presentato in conferenza stampa il match Napoli-Torino in programma domani sera alle 20:45.

Napoli-Torino, conferenza stampa Gattuso

conferenza stampa gattuso
conferenza stampa gattuso

 Sull’aspetto mentale: “Dobbiamo pensare al Torino e mandare in campo quelli che sono al 100% in grado di prendere parte ad una gara difficile come quella di domani. Il Torino è fisicamente molto forte e dobbiamo far scendere in campo gente pronta a dare tutto perché ci sarà da battagliare. Ieri la squadra era molto stanca ed oggi prepareremo la partita di domani”.

Se cambia qualcosa con Milik: “Non cambierà nulla, è molto bravo a legare il gioco, ha una classe immensa. Può darci una grandissima mano come ha fatto per molto tempo. Speriamo di recuperare Mertens, proverà ad allenarsi con noi oggi. So quello che può darmi Milik, è l’ultimo dei problemi”.

Sulle fasi: “Non credo che in fase difensiva abbiamo sistemato tutto perché la coperta è corta. Bisogna capire cosa vogliamo, se alzarci di 15 metri oppure no. Dobbiamo essere bravi a centrocampo. Nel secondo tempo con il Barcellona si è alzata la linea di difensiva ed ha permesso ai centrocampisti lo stesso. Possiamo alzarci di più se i nostri difensori riescono ad essere più dinamici. In attacco facciamo male quando superiamo i 15-16 tocchi, se vogliamo ribaltare il fronte rapidamente ci spezziamo in due blocchi. Possiamo far meglio in attacco ma sempre alla ricerca del palleggio”.

Sulla rosa:

“So di avere a disposizione dei giocatori importanti e faccio delle scelte su quelli che sono funzionali. Lozano, Meret ed altri sono fortissimi ma per come voglio giocare non sono ideali. Ho parlato con Lozano: può garantirmi la giusta copertura. Non posso metterlo in campo esponendolo a figuracce. So che non mi sto comportando benissimo a livello societario, ma cerco calciatori funzionali. Fa male vedere Lozano per quanto è stato pagato e per come è forte andare in tribuna, così come per Lobotka. Bisogna lavorare e farsi trovare pronti. Spero che questi calciatori capiscano cosa voglio”.

Su che tipo di Napoli vuole: “Un Napoli da battaglia che sappia soffrire. Il Torino è molto forte, tra le migliori. Non attraversa un momento positivo ma voglio una squadra che rispetti l’avversario e determinata. Spazio per Lobotka? Vediamo”.

Sulle cattive prestazioni casalinghe: “Da quando sono arrivato non è il massimo il rendimento in casa e mi chiedo spesso come risolvere. Penso solo a prepararla bene e ad entrare nella testa dei calciatori. Serve consapevolezza da parte di tutti, è passato quello che abbiamo fatto contro il Barcellona. Ora bisogna parlare a Zaza, Belotti, Ansaldi… Il Torino non vince da tempo ma ha giocatori importanti, di valore. Dobbiamo essere concentrati”.

Sul provare ad avere l’atteggiamento avuto col Barcellona: “E’ vero, penso che se facciamo questo salto di qualità diventa bella anche dal punto di vista mentale. Quando diventi un calciatore importante che ragiona così si deve parlare di un campione. Serve affrontare ogni partita con lo stesso atteggiamento e questo nel calcio moderno succede raramente. Dobbiamo migliorare qui. Le partite si vincono durante la settimana. Oggi bisogna pensare, ricreare le situazioni della partita, facendo fatica anche mentalmente. Questo si allena, si possono costruire calciatori pensanti ed all’estero sono più avanti in questo rispetto a noi”.

Su come battere il Torino:

“I giocatori sanno cosa abbiamo rischiato e dobbiamo ripartire da quello, dalla tristezza e dall’angoscia che ci ha preso con Lecce, Parma e Fiorentina. Sembrava tutto tranne una squadra. Non dobbiamo dimenticare quelle giornate perché  ci sono modi e modi di perdere una partita. Sembravamo senza sangue, sfilacciati. Dobbiamo dare sempre la sensazione di essere squadra”.

Se quella col Barcellona è stata la gara della crescita: “Non ho fatto crescere nessuno, servono calciatori che diano sempre qualcosina in più. Bisogna farsi rispettare ma anche creare condizioni perché la squadra possa migliorare. So cosa ci siamo detti con tanti calciatori, spero di continuare su questa strada. Mettiamo da parte tutto quello che c’è da chiarire, dai rinnovi ad altre robe. Dobbiamo allenarci in modo serio facendo prestazioni importanti. Dopo si sistemerà tutto. Voglio un gruppo di persone che ci dia una mano. Io do una mano ai giocatori e loro danno una mano a me, dobbiamo far gruppo. Ci diciamo le cose in faccia, belle e brutte, senza rancore. In questi ultimi tre mesi serve ritrovare questa sinergia”.

Se può essere una stagione dalle grandi emozioni: “Non lo so perché vivo alla giornata, alla fine scrivo le mie memorie e vado avanti”.

Il futuro di Gattuso

Se rimarrà a fine stagione: “Mi piacerebbe molto continuare. Ho un contratto fino al 2021 con una via di uscita mia del 30 aprile. Non è il problema del contratto, voglio lavorare e raggiungere degli obiettivi. Mi sento tre o quattro volte al giorno con De Laurentiis ma ne parleremo, c’è tempo. Mi voglio sentire a mio agio e mi gaso quando vedo un ambiente bello ma non mi deprimo quando le cose vanno male. Voglio allenare gente che deve stare bene qua. Io ci sto benissimo, c’è grande sinergia qua, ci sono persone di grande livello. Sto molto bene. Ho firmato per sei mesi sapendo di esserci squadre che mi offrivano un anno e mezzo. Questo club mi ha dato una possibilità incredibile: ho esordito in Champions lavorando con calciatori forti. Non ci sono problemi di contratto. Sto bene qua”.

Su Ghoulam e Koulibaly: “Ghoulam si sta allenando con grande continuità, sono contento di lui. Koulibaly ha iniziato a correre, lo giudichiamo settimana prossima”.

Sull’acquisizione di consapevolezza: “C’è mancata all’inizio la capacità di soffrire ma è una squadra con qualità. La consapevolezza arriva dai risultati. La coperta è corta: se vuoi fare determinate cose, mettendo tutta la qualità in campo, rischi e quindi bisogna trovare un compromesso. Abbiamo capito dove andare e che strada seguire ma bisogna continuare così. La fase difensiva parte dagli attaccanti e questo non deve mancare. I risultati nascono dal nostro atteggiamento e questo non deve mancare. Non siamo diventati tutti Brad Pitt. Voglio che si vedano brutti come me. L’altra strada non ci ha portato da nessuna parte. Voglio una squadra che faccia un pressing offensivo, mi piacerebbe. Ci ho provato e qualche partita l’ho persa io. Ci ho messo un po’ a capire che non andava bene”.

Sugli obiettivi: “Pensiamo alla partita di domani, poi risponderò. Domani è la gara perfetta per capire se siamo guariti o no. Una partita che cade a pennello. Il Torino è una squadra forte, con tante seconde palle, scontri fisici. Dobbiamo fare una grande partita dal punto di vista tecnico e caratteriale”.

Se si può parlare di Gattusismo: “No, è copia e incolla. Ogni allenatore si costruisce il vestito come piace a lui. L’allenatore deve plasmare cose che vede altrove. A me piace giocare a calcio ma anche fare una buona fase difensiva. Da giocatore non ero in grado di fare l’altra fase, dovevo intercettare. Da allenatore, rispetto a quando ero calciatore, vedevo la partita diversamente. Oggi vedo 10 minuti la difesa, 10 minuti gli attaccanti, magari mi concentro per 20 minuti su un calciatore. So soltanto che il gioco del calcio è semplice, nella semplicità ci sono cose da spiegare e migliorare”.

Sul possibile ciclo finito: “Non porto rancore per nessuno, soprattutto la vecchia guardia ma tutti i calciatori mi stanno dando tanto. Non dobbiamo pensare al nostro orticello, dobbiamo pensare tutti alla stessa direzione. Ci sono passato prima di loro in situazioni così: volevo andar via, non mi trovavo bene, dovevo firmare il contratto e non arrivava l’accordo, arrivavano calciatori che guadagnavano più di me. Bisogna lavorare, arriverà il momento giusto. Per sostituire questi calciatori servono milioni e milioni di euro. E’ una squadra forte ma dobbiamo giocare da squadra. Negli ultimi 7 anni hanno fatto 500 punti e non succede se non hai giocatori forti. Alla fine si tireranno le somme”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy