Trombetti: ” Basta scuse, c’è bisogno di cambiamento. Ho parlato con De Laurentiis ecco cosa mi ha detto…”

di Leonardo Litterio
de laurentiis napoli diritti tv

Nella giornata di oggi ai microfoni di Radio Punto Nuovo è intervenuto Guido Trombetti. L’ex rettore dell’università Federico II ha parlato del Napoli, di alcuni giocatori e di De Laurentiis.

Trombetti: “C’è bisogno di cambiamento. Ho parlato con De Laurentiis ecco cosa mi ha detto…”

gattuso de laurentiis
 (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Di seguito le dichiarazioni di Guido Trombetti:

Il momento del Napoli? Lo definisco uno stadio confusionale post-traumatico. Ormai dobbiamo arrivare così alla fine del campionato poi si vedrà. Si dovrà costruire il futuro e ci penserà il presidente come ha fatto in quindici anni.

Su De Laurentiis

Mi vanto di essere un suo buon amico e ci parlo. Stamattina abbiamo parlato, visto che aveva letto del mio articolo che non era sul calcio. Abbiamo parlato della bellezza. La grande bellezza di qualche anno fa. Dobbiamo essere lucidi.

Sul Napoli

Quest’anno c’è un budget di stipendi più alto e siamo settimi. Lo stesso l’anno scorso. Credo che ci saranno sicuramente cambiamenti a fine stagione. Gattuso ha scelto Elmas esterno? Ieri la formazione del primo tempo secondo me era veramente un caso da studiare. Non è possibile massacrare Elmas che ha fatto un mestiere che non è suo, ma osservo che c’è un’altra abitudine, quella di dire una frase fatta: la squadra non si può allenare ogni tre giorni. Io quindi per vedere un buon calcio non posso andare in Europa!? Queste sono idiozie! Le grandi squadre sono tutte così. La dobbiamo smettere di usare queste scuse. Oggi un tecnico è un tecnico quando sceglie giocatori sapendo che sono già addestrati a fare certe cose. Tutti a piangere su questi poveri tecnici che giocano tre volte alla settimana, ma se sono in Europa vuol dire che hanno squadre forti.

Su Gattuso

Credo resterà fino a fine stagione ad oggi. Certo se c’è una caduta libera, da una camera da letto in ospedale si passa ad una camera di rianimazione e non sarebbe facile. Concludo con una domanda retorica: siamo sicuri che quando si comprano giocatori ci sia sempre l’allenatore. Ricordate il caso Vargas? Fu incredibile. La mia preoccupazione è che l’aria tecnica si sbrindellata perché io sono certo che Bakayoko e Osimhen l’abbia voluti fortemente Gattuso, ma devo dire che i risultati sul campo sono deludenti. Bakayoko ha una percentuali di errori veramente molto alta, poi credo che la campagna di gennaio fu fatta integralmente da dal direttore sportivo senza aiuto dell’allenatore. Noi speriamo che non si finisca in un precipizio. L’anno prossimo si dovrà cambiare tutto.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU TWITTER 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy