Chiariello: “Non potrò mai capire perché il calcio debba essere una franchigia per i violenti”

Chiariello: “Non potrò mai capire perché il calcio debba essere una franchigia per i violenti”

Chiariello: “Non potrò mai capire perché il calcio debba essere una franchigia per i violenti”

di Redazione

In diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’, trasmissione in onda su Radio CRC Targato Italia, è intervenuto Umberto Chiariello per il suo consueto ‘Editoradio’:

“Io non cerco il consenso, né i click visto che non prendo un euro come fanno in tanti che ci campano. Io dico quello che penso e penso che i nostri ragazzi abbiano sbagliato a farsi saltare i nervi. Posso comprendere il problema ambientale per Koulibaly, meno per Insigne. La reazione di Koulibaly è stata un errore.

“Siamo tutti Koulibaly” non è un modo di dire. Diamo la fascia di capitano a Koulibaly. Andiamo domani allo stadio tutti dipinti di nero, per mostrare al mondo che Napoli non accetta il razzismo. Ma non incolpiamo Mazzoleni, perché questa volta c’entra come il cavolo a merenda. Cardona ha detto chiaramente che la partita non andava sospesa. Forse avrebbe dovuto interromperla, ma evidentemente qualcuno gli avrà consigliato di proseguire. Qualcuno poi dovrebbe spiegarci perché fuori dallo stadio accadono fatti così gravi e che portano alla morte di un folle che si presenta con mazze e catene, che era già daspato, che dovrebbe essere uno di quelli segnalati e che non dovrebbe mai avvicinarsi ad uno stadio. Non potrò mai capire perché il calcio debba essere una franchigia per i violenti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy