Chiariello: “Gattuso diceva che il veleno non si compra al supermercato, invece bastava comprarlo in America…”.

di Giovanni Montuori

In diretta su Radio Punto Nuovo, durante la trasmissione “Punto Nuovo Sport Show”, è intervenuto Umberto Chiariello per il suo consueto EditoNuovo. Il noto giornalista ha analizzato la situazione in casa Napoli e quella di Gattuso.

CLICCA QUI PER LE ULTIME NEWS SUL NAPOLI

Napoli-Gattuso: la situazione

Ecco le parole di Chiarielllo sul Napoli e su Gattuso:

“Diceva Manzoni: “questo matrimonio non s’ha da fare”. E se lo diceva Manzoni nel 1800 precorreva i tempi o già sapeva che oltre la peste stava per arrivare Dzeko? Uscendo dalla metafora l’affare Dzeko-Sanchez era un suicidio incredibile della Roma. Quando si accusa Zazzaroni di aver bloccato la trattativa con i suoi titoli, ha fatto la quarta parte del suo lavoro! Spesso i giornali hanno fatto battaglie per non far arrivare alcuni giocatori. Oggi questo affare avrebbe potenziato l’Inter e per fortuna non si fa. Resta un problema: alla Roma tutti dicevano che l’allenatore era debole mettendo da parte il capitano. Sapete chi fece questo a Napoli? Non lo sapete. Marcello Lippi, fu chiamato da Bianchi, che divenne dirigente. Si diceva venisse retrocesso. Lippi sapete cosa fece?  Disse: “Fuori i senatori dallo spogliatoio, quelli che riferiscono tutto a Bianchi. Io mi gioco tutto con Pecchia, il ragazzino Cannavaro, Bia che veniva dal Cosenza”. Quel Napoli fece un grande campionato e fu trampolino di lancio anche per Lippi che andò alla Juventus, portando Ferrara. Oggi Fonseca, che sarà cacciato, perché non fa parte della nuova proprietà, sta dimostrando di avere gli attributi, facendo vedere come si fa a Rino Gattuso. Perché Gattuso non ha voluto Ibrahimovic? Perché Gattuso non ha mai risposto alla domanda sul rifiuto di Ibrahimovic. Dice che il veleno non si può prendere al supermercato, quando bastava prenderlo in America”.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy