AIC, il vicepresidente Calcagno: “Tutti dalla stessa parte, ma ad oggi nessuna certezza”

AIC, il vicepresidente Calcagno: “Tutti dalla stessa parte, ma ad oggi nessuna certezza”

di Luca D'Isanto, @Luca_disanto1
Calcagno

Umberto Calcagno, attuale vicepresidente dell’AIC e consigliere della FIGC, è intervenuto ai microfoni di Radio Sportiva per le ultime sulla ripresa Serie A. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di CalcioNapoli1926.it:

“Stiamo cercando di farci trovare pronti ad un eventuale OK del governo e del comitato tecnico scientifico. Ci auguriamo che riprenda la fase 2 del calcio e che sia fatta in sicurezza. Il calciatore che vive e gioca nelle zone più colpite ha una percezione differente rispetto a quello che l’ha vissuta in modo marginale. La domanda è: il nostro mondo può convivere con il virus? Di certo ci dovremo abituare”.

AIC, Calcagno: “Nessuna certezza, ci affidiamo ai protocolli”

Calcagno
Damiano Tommasi e Umberto Calcagno: presidente e videpresidente dell’AIC

“Ci dobbiamo affidare ai protocolli. Ad oggi non abbiamo certezze, gli atleti hanno necessità di riprendere gli allenamenti non solo in prospettiva campionato ma anche per il mantenimento della forma. Non si può mettere a rischio la salute, ma non ripartire può creare dei danni al sistema e ai calciatori che vivono in serie minori. Stiamo cercando di creare un fondo solidaristico che possa garantire i soggetti più deboli. 

Spadafora? Non è avverso allo sport, il nostro mondo non si è presentato unito ma oggi lo è per la ripresa. Ci sono state esagerazioni da entrambi le parti, ma oggi tutti stiamo remando dalla stessa parte”.

CLICCA QUI PER FOTO E VIDEO ESCLUSIVI!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy