Sampdoria, Ferrero: “Si torna a giocare quando ci sarà sicurezza”

Sampdoria, Ferrero: “Si torna a giocare quando ci sarà sicurezza”

di Alfredo Russo
Sampdoria, Ferrero

Dopo la plateale presa di posizione del presidente del Brescia, Cellino, anche il presidente della Sampdoria, Ferrero, ha espresso la sua contrarietà alla ripresa del campionato. Il presidente blucerchiato ha rilasciato un intervista alla Gazzetta dello Sport per spiegare la propria contrarietà alla ripresa del campionato: ““Non sono per il non riprendere il campionato a prescindere, semplicemente il calcio è una parte del Paese e il Paese oggi non sa dirci quello che potrà essere domani”.

Ferrero
GENOA, ITALY – FEBRUARY 03: UC Sampdoria President Massimo Ferrero looks on during the Serie A match between UC Sampdoria and SSC Napoli at Stadio Luigi Ferraris on February 3, 2020 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

Ferrero: “Torniamo quando saremo sicuri”

“Contrario all’eventuale proseguimento oltre il 30 giugno? Servono 4 settimane di preparazione – dice Ferrero – Ipotizziamo che si torni a giocare tra maggio e giugno, per poter chiudere i campionati massimo entro i 3 agosto, come avrebbe specificato la UEFA. Poi si riparte a ottobre, e finiremmo chissà quando. Così invece che al 2021 l’Europeo va rinviato al 2023. Torniamo quando saremo sicuri, quando ci sarà un vaccino. Siamo condizionati da troppi se. C’è un’Italia che deve ripartire, gente che perderà il lavoro. E noi vogliamo davvero metterci a parlare di milioni di euro, di calciatori e campionati? Mi sembra poco elegante. Se ho parlato con i miei? Abbiamo avuto diversi casi di Coronavirus. Ora dovrò andare a dirgli che potrebbero doversi allenare, magari giocare tre partite a settimana?. Soluzioni? Finiamo qui, troviamo accordi con tv e giocatori che sono persone serie”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy