Fiorentina, Chiesa: “Imparerò molto da Ribery, è un grande. L’Italia nel 2021 sarà ancora più forte”

Fiorentina, Chiesa: “Imparerò molto da Ribery, è un grande. L’Italia nel 2021 sarà ancora più forte”

di Francesco Melluccio
Chiesa

Federico Chiesa, attaccante della Fiorentina, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Sky Sport, in cui ha parlato di diversi temi, tra cui la Nazionale italiana ed ovviamente la sua Viola.

LE PAROLE DI FEDERICO CHIESA

Ribery

“Ho tantissimo da migliorare e da imparare da giocatori più forti. Quest’anno da noi è arrivato un giocatore come Ribery e da lui posso imparare sempre di più”.

QUANTO E’ STATA IMPORTANTE LA FIGURA DI TUO PADRE?


“Mio padre ma anche mia mamma sono state due persone importanti nella crescita sia calcistica ma anche scolastica. Devo ringraziare loro per la persona che sono diventato. Quando mi hanno mandato scuola calcio mi hanno detto che il calcio era importante ma anche la scuola”.

MEGLIO DA ESTERNO O PUNTA?
“Quest’anno ho giocato più da seconda punta perchè i mister che ho avuto volevano che giocassi lì. Dove decide di mettermi il mister io ci sto quindi in un ipotetico 3-5-2 posso benissimo giocare sulla fascia e aiutare la mia squadra al meglio.

Da esterno sinistro potrei rientrare e tirare. Ma anche in quel gesto io devo migliorare molto. Io ho giocato sulla destra per andare al cross. Sousa mi ha aiutato a crescere come Pioli che mi sfruttava su tutta la fascia con il suo modulo. Io ho sempre giocato a destra, sia come quinto che come esterno alto in un 4-3-3. A sinistra mi troverei meno”.

COS’E’ PER TE FIRENZE?
“Per me è diventata casa perchè quando ci siamo trasferiti qui, ho frequentato elementari, medie, superiori e tutt’ora l’università. Per me è casa. Firenze rappresenta il sogno realizzato, esordire con la maglia viola è stato semplicemente fantastico. Soprattutto giocare davanti a 40mila tifosi della Fiorentina e davanti alla Fiesole è fantastico per un ragazzo cresciuto nel settore giovanile”.

SARA’ UN ITALIA PIU’ FORTE NEL 2021?

“Certo. Non solo io ma anche tanti giovani italiani avranno un anno in più di maturazione calcistica e soprattutto permetterà a ragazzi forti come Zaniolo di recuperare al meglio per arrivare all’Europeo nella migliore condizione”.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy