Inter, L’agente di Eriksen ricorre al CONI contro la società di Zhang: la situazione

di Mattia Fele

La situazione di Christian Eriksen all’Inter era sicuramente già abbastanza spinosa. Il calciatore non scende quasi mai in campo da titolare e gli vengono riservati pochi minuti (qualche volta) in fine di partita da Antonio Conte. Eriksen si era trasferito dal Tottenham Hotspur per cercare più minutaggio in vista degli Europei (poi rimandati), e ora si ritrova nella stessa identica situazione da cui era partito. In più si aggiungono le grane con l’Inter da parte dell’agente, che ha deciso di ricorrere al CONI contro la società nerazzurra.

LEGGI QUI LE PRINCIPALI NOTIZIE DEL CALCIOMERCATO AGGIORNATE

L’agente di Eriksen fa ricorso: la nota del CONI

Eriksen, Inter (Getty Images)

“Il Collegio di Garanzia dello Sport ha ricevuto un’istanza di arbitrato, ex art. 22, comma 2, del Regolamento Agenti Sportivi del CONI, da parte dell’Agente Sportivo Martinus Schoots contro la F.C. Internazionale Milano S.p.A., in virtù del contratto di mandato, sottoscritto il 27 gennaio 2020, in forza del quale la società intimata ha conferito incarico al suddetto istante al fine di consentire la realizzazione del trasferimento del calciatore Christian Eriksen, allora tesserato presso il Tottenham Hotspur F.C., alla società milanese”.

A quanto pare, l’Inter non avrebbe pagato una cifra di circa 6 milioni di euro all’agente Martinus Schoots. Questi soldi derivavano dal trasferimento di Eriksen e spettavano all’agente, almeno secondo quest’ultimo.

Fonte: FcInternews

SEGUICI ANCHE SU TWITTER CLICCANDO QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy