Castellacci: “Tanti medici di squadra pronti alle dimissioni, nessuno sciopero”

Castellacci: “Tanti medici di squadra pronti alle dimissioni, nessuno sciopero”

di Luca D'Isanto, @Luca_disanto1
Castellacci serie a

Enrico Castellacci, presidente L.A.M.I.C.A (Libera Associazione Medici Italiani del Calcio). è intervenuto oggi ai microfoni di Radio Punto Nuovo. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di CalcioNapoli1926.it:

“Quello che chiediamo è ciò che abbiamo sempre detto: protocolli rigidi, ma applicabili. Non esiste al mondo che si possano fare protocolli senza che si possano rispettare. Noi non abbiamo potuto proferire al tavolo in cui è stato deciso perché non siamo stati invitati, i protocolli vanno fatti in modo che possano essere applicabili, altrimenti non sono utili. I protocolli non vanno fatti solo per la Serie A, ma anche per la Serie B e la Serie C”.

Castellacci: “Tanti medici di squadra minacciano le dimissioni”

Castellacci, le parole sugli allenamenti
Castellacci (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

“I giocatori sono professionisti e come tali hanno il diritto e dovere di allenarsi, anche in caso di non conclusione del campionato. Anche i giocatori di C vogliono allenarsi, bisogna fare protocolli mirati a seconda delle Leghe. Sembra che la tendenza sia quello di cominciare a giugno il campionato, ma mettendo paletti rigidi come un solo infettato e tutti in quarantena, si fermerebbe di nuovo. I legali della L.A.M.I.C.A. Sostengono che nessuno vuole non assumersi le sue responsabilità, ma di certo non vogliono assumersi responsabilità che non aspettano a loro. Ho ricevuto tantissime email da tantissimi medici della Serie B che minacciano le dimissioni.

Ipotesi sciopero

Sciopero? Non si tratta di scioperare, polemizzare, ma ragionare con buon senso. E’ strano che non si sia capito che l’unico responsabile non può essere il medico sociale. E’ ovvio che poi, giocoforza, i medici si dimetteranno dal loro incarico, non sciopereranno. Ho mandato una lettera alla FIGC senza ricevere risposte, il punto chiave è il medico del calcio ed ancora oggi non ci danno possibilità di parlare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy