Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

serie a

Sconcerti: “Juve? Non ha cattivi giocatori, ma quelli che ha non bastano…”

(Getty Images)

Mario Sconcerti ha analizzato - come sempre - con attenzione la situazione in casa Juve, resa complessa dalle ultime pessime prestazioni

Mattia Fele

Continua il momento nero della Juventus di Massimiliano Allegri, a -13 dal primo posto. Una situazione difficilmente riscontrabile in altri campionati passati, se non in quelli subito successivi alla promozione in Serie A del 2007. I bianconeri non hanno trovato un equilibrio in campo, con una rosa che sembra essere stata costruita in modo piuttosto approssimativo - e con meno liquidità rispetto alle stagioni passate -. Per di più non si fermano le critiche ad un tecnico da sempre molto rigido sulla sua idea del "corto muso", basata sulla vittoria ottenuta col minimo indispensabile. Che a volte non basta.

Sconcerti: "Juve di Allegri? Nessun campione, solo giocatori normali"

 (Photo by Getty Images)

 

Di seguito l'intervento dell'autorevole giornalista sportivo Mario Sconcerti, nel suo editoriale classico per Il Corriere della Sera. Ecco un estratto:

"La Juve esce di scena nel momento esatto in cui rinuncia al suo gioco difensivo. Era un errore evidente credere fosse Allegri il profeta del catenaccio. Allegri ha un concetto personale dell’equilibrio, ma sa come far giocare nei dettagli una grande squadra. Ho visto tante belle partite giocate dalle sue formazioni. Giocare così bassi non è mai stata una sua scelta, era una necessità che non poteva durare. In una sera eccentrica si può sbagliare la musica country per Beethoven, ma il giorno dopo ritorna sempre la realtà. E questa dice che la Juve è una squadra di buoni giocatori comuni. Non c’è nessun cattivo giocatore nella Juve, ma quelli che ha non bastano. McKennie è uno bravo, ma lo hanno anche gli altri. Morata è buono, ma non è una differenza. Non lo è nemmeno Chiesa se deve fare l’ala a tutto campo. Locatelli è bravo quanto hanno il dovere di essere i registi di qualunque Juve. È questa somma di normalità a tenere in una classifica scarsa la Juve"