rassegna

Pià: “Il Napoli ha ritrovato l’entusiasmo, lotterà fino alla fine per vincere”

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Ai microfoni di Radio Kiss Kiss, Ignacio Pià, ex calciatore azzurro, ha parlato del Napoli e della prossima sfida di campionato con il Torino, citando alcuni giocatori della rosa

Edoardo Riccio

Quest'oggi, ai microfoni di Radio Kiss Kiss, Ignacio Pià ha rilasciato alcune dichiarazioni sul Napoli e sulla prossima partita di campionato con il Torino. L'ex azzurro, inoltre, ha parlato anche di Victor Osimhen, attaccante fondamentale per questa squadra.

Pià: "Osimhen può diventare il migliore, può giocare anche con Mertens"

 Vìctor Osimhen (Getty Images)

Di seguito le parole rilasciate dall'ex calciatore del Napoli:

Sulla sua esperienza al Torino

"Giocare è Torino è qualcosa qualcosa di speciale. Chi ha avuto la possibilità di vivere la città e di indossare la maglia è un'emozione particolare. Si tratta di una squadra gloriosa, è stato molto bello vestire granata".

Sul Napoli di Luciano Spalletti

"Il Napoli è una squadra che attualmente, pur non avendo alcuni calciatori in forma ottimale, è riuscita a dare un'impronta, richiesta dal suo allenatore. È una pizza non semplice, ma Spalletti è riuscito ad adattarsi. È un Napoli che ha ritrovato entusiasmo e feeling con la piazza. Insieme al Toro, ha la miglior difesa del campionato. È una di quella squadra che lotterà fino alla fine per vincere finalmente il campionato".

Su Mertens

"La presenza di Mertens è fondamentale per il Napoli, perché consente a Spalletti di variare il modulo e di adottarlo in altre posizioni. Può fare la prima punta, ma può giocare anche alle spalle di un centravanti, oltre che su entrambe le fasce. Il belga è un calciatore che consente all'allnatore di avere l'imprevedibilità per sorprendere gli avversari. Sarà un'arma in più. Potrebbe anche giocare con Osimhen; Victor è un calciatore determinante e potrebbero dialogare perfettamente".

Su Osimhen

"Fin da quando è arrivato in Italia ho sempre detto che sarebbe stato un calciatore devastante. Aveva bisogno di tempo per esprimersi al meglio, ed ora è maturato tantissimo. Le sue qualità ci sono sempre state; è un giocatore che negli spazi può essere veramente letale. Attualmente non è uno dei giocatori più forti, ma ha le qualità per diventarlo".