San Paolo, grande gelo tra i tifosi e la squadra. Il caso

San Paolo, grande gelo tra i tifosi e la squadra. Il caso

di Alessandro Silvano Davidde, @ASDavidde

Il Napoli torna al San Paolo in un momento in cui non si sa come i tifosi reagiranno alla presenza dei giocatori in campo. Sì, perché l’allenamento a porte aperte è servito come termometro: la piazza è rimasta delusa dall’atteggiamento dei tifosi e ora è stufa. Il Mattino ha analizzato il caso.

Napoli, al San Paolo sarà un grande gelo

L’umore della piazza è sotto terra, anche se c’è tanta voglia di far sentire la propria opinione. Ecco perché c’è da aspettarsi grande freddezza, soprattutto all’inizio della gara. I fischi non mancheranno, perché il pubblico napoletano si sente ancora ferito e aspetta un segnale forte (i gol e il ritorno al successo su tutto) prima di poter pensare di ricucire il rapporto con la squadra.

Il termometro dell’umore è la strada e lì la gente non parla d’altro. Perché al di là del rovente post partita di martedì, i napoletani nel complesso non sono soddisfatti delle prestazioni da parte della squadra, ma sopratutto dei risultati. Al San Paolo il successo manca dallo scorso 19 ottobre contro il Verona (2-0), mentre l’ultima vittoria è datata 23 ottobre sul campo del Salisburgo: troppo tempo per una squadra che ambisce ai primi posti in campionato e a un piazzamento importante in Europa. Ma paradossalmente i risultati sono passati in secondo piano da quando i riflettori sono stati puntati su questioni extra calcistiche.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy