Napoli senza armonia: dal gioco all’anima. Non c’è nulla

Napoli senza armonia: dal gioco all’anima. Non c’è nulla

di Alessandro Silvano Davidde, @ASDavidde
Lozano Napoli

Il Napoli cade. Rovinosamente. Negli occhi lucidi della gente che non ne può più, perché questa squadra è forte ma non sa più giocare a calcio. E’ inspiegabile. Le forze non ci sono più, il pensiero è diventato faticoso e si fugge dallo stadio o dalla televisione. Il Napoli è diventato pena, angoscia e insoddisfazione allo stato puro. Il Corriere dello Sport ha analizzato così questo momento.

Da Ancelotti a Gattuso: la musica non cambia

 

C’è chi colleziona francobolli e chi penne stilografiche. Chi monete e chi fumetti. Il Napoli da poco ha cominciato con le bambole. Ancelotti pur affermando il contrario ne ha pettinate tante, anche se prima d’andar via non ha avuto il tempo di spiegare quale fosse la sua preferita: Camilla o Bebi Mia? Mah. Il dubbio resta, anche se chignon e carrè alla Louise Brooks restano comunque poca cosa rispetto agli altri riccioluti e scompigliati dubbi che don Carlo s’è lasciato alle spalle quando, rimesse in valigia spazzole e bigodini, è salito sul primo aereo utile per il Regno Unito e se n’è andato.  
Ora c’è don Gennarino, il quale prima ancora di capire che razza di squadra abbia veramente per le mani, pure lui ha pubblicamente dichiarato che il proprio futuro lo vede più da coach che da hair stylist.

Le colpe

 

Prima del gioco, della velocità, del rispetto delle posizioni in campo. Il Napoli deve ritrovare quello spirito di gruppo che è alla base della forza e dei successi d’ogni squadra. Invece, da troppo tempo a questa parte, quello spirito il Napoli l’ha perso. Colpa dei fragili rapporti con l’allenatore precedente, e di quelli ancora non consolidati con il nuovo, certo, ma anche di una campagna acquisti estiva scombinata, di rinnovi di contratti troppo a lungo congelati, di addii annunciati, di una ruvida comunicazione, di diffusi malumori e di rivolte e multe, oltre che di tanti errori pure in campo, è ovvio. Colpa, insomma, d’un ambiente depresso, avvelenato e ancora a pezzi.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. infodeg_5257949 - 1 mese fa

    Diagnosi lucida, ma Gattuso ci sta mettendo del suo. Un’azione emblematica. In pieno impegno per un difficile recupero del risultato, gli uomini di maggior classe, si fa per dire, si sono resi interpreti della pochezza del loro cervello. Insigne, a centrocampo, (ma che ci faceva lì se il suo ruolo è sulla sinistra?, circondato da 4 avversari, CHIEDE palla a Fabian, che gliela dà, ma SUBITO la riceve all’indietro; assalito dai viola, incapace di districarsi, e timido come una viola, dà la palla a Ospina. E Gattuso dormiva. Non so scegliere fra i tre il più incapace.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy