Milik alla riscossa: parole da leader. Ora servono risultati

Milik alla riscossa: parole da leader. Ora servono risultati

di Alessandro Silvano Davidde, @ASDavidde
Milik ringrazia i tifosi

Si ripartirà da Milik domani con la Fiorentina (in panchina col Perugia in Coppa Italia), il bomber polacco è carico al punto giusto e vorrebbe tornare a lasciare il segno al San Paolo (l’ultimo gol risale alla sbandata con l’Inter dell’Epifania). Di seguito quanto è stato evidenziato dall’edizione odierna del Corriere dello Sport

Milik guida la riscossa azzurra

 

“Sì, c’è ancora tanto lavoro da fare. Abbiamo cambiato modulo passando dal 4-4-2 al 4-3-3: ci sono movimenti diversi e ci vuole tempo per capirli. Siamo già migliorati in tante cose, come l’uscita da dietro, e dobbiamo farlo anche in attacco, sulle finalizzazioni. Il vero Milik? Sono felice per i miei numeri (7 centri in campionato e 3 in Champions), ma non per quello che facciamo come squadra. Siamo troppo in basso in classifica, vogliamo tornare in alto. Con la Fiorentina servono assolutamente i tre punti”.

Parole che fanno sempre piacere sentire da tifosi. Arek è uno di quelli che ha sempre provato a guidare la riscossa azzurra e sotto un certo punto di vista è forse il più predisposto. In carriera ha subito due infortuni molto gravi che lo hanno messo a dura prova, ma ne è sempre uscito al meglio. Tra una pausa e l’altra il polacco ha sempre segnato, senza indugiare. Allora la squadra dovrebbe seguirlo di più: farsi carico delle proprie responsabilità e iniziare di nuovo a vincere e convincere. Oltre la sfortuna e le papere. Oltre le decisione dell’arbitro. Perché la qualità c’è, ora bisogna trasformarla in risultati.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy