Koulibaly sui fatti di San Siro: "Non me l'aspettavo, non riuscii a capire"

Koulibaly ha riparlato dei fatti di razzismo accaduti a Milano

 
Koulibaly

VENERDÌ 13 SETTEMBRE 2019 ORE 10:16

Koulibaly ha parlato questa mattina alle pagine del Corriere dello Sport. Il difensore azzurro ha sottolineato diversi aspetti, come il razzismo e la sconfitta a Torino. Proprio sugli episodi razzisti ha voluto chiarire come sia rimasto sorpreso per quanto accaduto a Milano:

"E se la ferita dell’Olimpico si rimarginò quasi in fretta, perché ritenni che quel giorno fossimo in presenza di un caso, a San Siro rimasi stupito: perché Milano è città più cosmopolita, nell’immaginario la più europea delle metropoli italiane. Non riuscii a capire, in ognuno dei due casi, perché mai ci fosse quell’atteggiamento nei miei confronti. Come non riesco a farmene una ragione quando capita ad altri"


Il senegale è fiero

"E guai se non fosse così, vorrebbe dire non aver colto gli insegnamenti dei miei genitori e non essere in grado di riuscire a trasmetterne ai miei figli. Seni (il figlio) è piccolissimo ma è stato al nido italiano, perché conoscesse il Paese che ci ospita, e ora va a quello bilingue, così vivrà due mondi e li conoscerà e li apprezzerà senza fare distinzioni. Io non posso sentirmi straniero, qua, e il discorso vale per chiunque altro, per chiunque sia vittima di queste idiozie, che però rappresentano una preoccupazione seria"