Koulibaly miglior difensore di Serie A: la storia dall'arrivo a Napoli ad oggi

Il difensore sbarcò a Napoli nel 2014 per 7 milioni di euro. Oggi è tra i più forti al mondo

 
Koulibaly

DOMENICA 19 MAGGIO 2019 ORE 10:21

Per celebrare il riconoscimento che stasera verrà tributato al San Paolo a Kalidou Koulibaly, come miglior difensore dell’anno della Serie A, l’edizione odierna de Il Corriere dello Sport ripercorre nel dettaglio la storia dell’arrivo del difensore in azzurro. Nel gennaio 2014, il Napoli alla ricerca di un difensore centrale, con una trattativa quasi in dirittura d’arrivo, viene bloccato dal tecnico Benitez: “Aspettiamo, a giugno prendiamo il più forte” Riccardo Bigon aveva trattato Koulibaly un anno e mezzo prima, quando era ancora acerbo; Maurizio Micheli, attuale braccio destro di Giuntoli, era andato a vederlo in Belgio, quando Kalidou militava nel Genk.

Bloccato alla modica cifra di sette milioni di euro, il Napoli virò su Henrique, un jolly difensivo per tappare l’emergenza, in attesa che a giugno arrivasse Koulibaly. Fu accolto da Benitez a Castel Volturno che iniziò a spiegargli i movimenti difensivi italiani utilizzando a tavola dei bicchieri di plastica Oggi Koulibaly ha una clausola rescissoria utilizzabile solo per i club stranieri pari a 150 milioni di euro: dunque, oggi vale oltre venti volte in più. Ed è, senza dubbio, uno dei difensori più forti al mondo.