Roma, spuntano audio di De Rossi: "Mi hanno cacciato e poi ci hanno ripensato"

Girano il web audio di Daniele De Rossi sull'addio alla Roma e su come sia avvenuto

 
Roma

GIOVEDÌ 16 MAGGIO 2019 ORE 15:32

L'addio di Daniele De Rossi alla Roma prosegue tra le polemiche, nei giorni successivi alla conferenza stampa in cui ha annunciato il suo futuro.

In particolare rimbalzano tra i gruppi degli audio invitati su via Whatsapp dal calciatore a un amico, nei quali De Rossi racconta la discussione avuta con la società giallorossa, che ha deciso di non rinnovargli il contratto.

Di seguito alcuni passi salienti: "Io gli ho detto: se voi dite che sto male, allora datemi 100mila euro a presenza. Se pensate che io non possa giocare più di dieci partite, guadagnerò un milione. Se invece non gioco mai, resterò gratis. Ho fatto una battuta del genere. E Fienga (Ceo della Roma) mi ha detto: è quello che avrei voluto proporti io. Ma è una riflessione nata e morta lì, perché mi stava dicendo che non mi avrebbero tenuto. Due ore e mezza di colloquio. Poi arrivo a casa e mi fa: ho chiamato il presidente e mi ha detto che allora è ok. Ma come, non mi hanno detto niente per un anno, poi mi chiamano per dirmi che mi cacciano via e dopo 40 minuti arrivo a casa e mi dicono: no va bene, allora se vuoi facciamo il contratto..."