Napoli - Arsenal, Tognaccini: "Conosco Carlo, si può fare l'impresa"

Il fondatore di Milan Lab parla di Carlo Ancelotti, che conosce molto bene e di cui conosce la stoffa

 
Guarda qui

LUNEDÌ 15 APRILE 2019 ORE 13:43

NAPOLI - ARSENAL | In diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’, trasmissione di Umberto Chiariello in onda su Radio CRC, è intervenuto Daniele Tognaccini, fondatore Milan Lab:

Come sta il Napoli fisicamente?

E' difficile anche da dentro capire come sta una squadra. Ci sarà sicuramente qualcuno che starà meglio, qualcuno che starà peggio. Tuttavia non mi sembra che il Napoli sia giù fisicamente. Sta vivendo un momento di mancanza di motivazione, dove in campionato non può lottare per nulla. Se Carlo rasserena l'ambiente in merito, c'è da fidarsi: è un allenatore molto attento all'aspetto fisico e in 8 anni di lavoro con lui lo ha sempre dimostrato. Il suo è uno staff composto da grandi elementi, le loro valutazioni saranno certamente esatte. Non sono le macchine, però, che devono decidere: sta sempre allo staff e all'allenatore decidere sulla base di ciò che i macchinari non possono analizzare. E' questo che fa la differenza. Sempre l'uomo al centro che decideva e Carlo è sempre stato così. Anzi al Milan non aveva ancora vinto niente, adesso è un fuoriclasse. Il calcio non è uno sport di fisico, ma uno sport dove conta molto il cervello e il senso tattico-tecnico. Ho allenato campioni scarsi fisicamente, sono altri i parametri che si valutano. Poi ci sono stati giocatori bionici forti in tutto, come Maldini. Pirlo e Inzaghi, invece, non avevano affatto parametri fisici importanti

Quante chance ha di passare il turno il Napoli?

Ha molte possibilità, conoscendo Carlo. Queste partite le prepara nel dettaglio e con una tensione che tiene tutta per sé. Troverà sicuramente il modo per far rendere al 110% il suo Napoli