Juventus, deliberata l'emissione di un bond da 100-200 milioni

Il CdA bianconero ha aperto a questa possibilità

 
Juve

MARTEDÌ 12 FEBBRAIO 2019 ORE 10:57

La Juve ricorre ai privati per il risanamento del debito. Non è la prima volta che una società di calcio si muove in questa direzione, in passato era accaduto a Inter, Roma e Milan. Infatti il Consiglio di Amministrazione ha deliberato la possibilità di emettere un bond compreso tra i 100 e i 200 milioni di euro entro il 30 giugno per finanziare l'attività ottimizzando la struttura e la scadenza del debito. Ecco uno stralcio del comunicato dal sito juventino: "Juventus Football Club S.p.A. comunica che il Consiglio di Amministrazione ha deliberato la possibilità di emettere in una o più tranche, entro il 30 giugno 2019, un prestito obbligazionario non convertibile per un importo nominale complessivo compreso tra € 100 milioni e € 200 milioni, con collocamento riservato a investitori qualificati".