CONI, Malagò: "Cori? Il Napoli ha ragione ma esistono delle regole. Ecco cosa penso degli arbitri"

CONI, Malagò: "Cori? Ha ragione il Napoli ma non le regole esistono. Ecco cosa penso degli arbitri" ecco quanto dichiarato

 
CONI

VENERDÌ 11 GENNAIO 2019 ORE 13:05

Giovanni Malagò, presidente del CONI, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Capital:

TIFOSI VIOLENTI - "Chi sostiene la tesi che certe persone non hanno nulla a che fare col calcio forse intendono dire che non sono veri tifosi, ma è vero che sono una componente che di fatto è protagonista all'interno del sistema calcio da decenni"

SOLUZIONI - "Si sono introdotte dinamiche diverse, dal DASPO alla tessera del tifoso, ma tutto questo non è bastato"

INGHILTERRA - "In Inghilterra hanno chiuso la partita ultras con leggi speciali, processi per direttissima, pene dure. Chiaro che per tutto c'è stata una congiuntura favorevole, perché sono stati costituiti nuovi impianti"


EPISODIO KOULIBALY - "Sui cori razzisti darei ragione al 100% al Napoli e ad Ancelotti, ma non si possono fare le regole loro. Se le regole se le fa una squadra o un allenatore, è finita. Non si può fare"

ARBITRI - "Un arbitro deve rispettare un protocollo. E se non si adegua a quel protocollo, per me deve essere squalificato. Ma non può farsi giustizia da solo"

COLPA - "Se la colpa è di una singola persona che fa una cosa da matto, si può dire che la società non c'entra. Se lo fa tutta la curva, è più difficile dire che la società non abbia responsabilità oggettiva".