Damiani: "Radu diventerà un grande portiere! Gravillon? È ancora prematuro parlare di Napoli!"

Oscar Damiani, ex calciatore e procuratore tra gli altri del portiere del Genoa, Radu, ha rilasciato alcune dichiarazioni questa mattina a Radio CRC

 
Radu

In diretta a “Un Calcio Alla Radio”, trasmissione condotta su Radio CRC Targato Italia da Umberto Chiariello , è intervenuto Oscar Damiani, procuratore di Radu e Gravillon: "Quale esperienza mi ha dato di più tra Genoa, Napoli, Milan e Juventus? Porto dentro tutte le esperienze. Come uomo quelle più belle a Napoli. Con la Juve sul piano sportivo. A Genoa ho segnato tanto ed era un bell’ambiente. Al Milan ero a fine carriera, non ero più al meglio. Krol? Siamo stati sfortunati con lui. Quello fu un bel Napoli. Alla partita c’erano 80 mila persone. Marchesi? Fantastica persona. Aveva equilibrio e classe. Non alzava la voce, ma si faceva rispettare. Io inventai Paolo Rossi al Vicenza? Sì è vero(ride). Io gli dissi che c’era uno più forte di me ed era Paolo Rossi. L’ho considerato veloce. Abbiamo fatto una gara sui cento metri ed era più veloce di me. Lì è stato fantastico lui, ma anche Fabbri è stato importante per la sua crescita".


DIFFERENZE - "Mertens, Milik e Piatek? Difficile fare una graduatoria. Bisogna vedere come gioca la squadra, sono tutti diversi fra loro. Milik è forte, completo e sa giocare di squadra. Mertens veloce e abile come Paolo Rossi. Piatek rispetto agli altri ha un gran tiro e quindi i gol li farà sempre. È una bella realtà questo giocatore".

RADU - "Andrei è un giocatore di prospettive straordinario. Castellini che lo ha allenato all’Inter, dice che diventerà titolare dell’Inter e che ha delle doti straordinario. Con l’under 21 ha fatto parate straordinario. Ad Avellino ha fatto il suo. A Genoa ha fatto qualche errore, forse perché i portieri non parano più. È molto sicuro e questa sicurezza forse lo porta a sbagliare. Ma Andrej Radu diventerà uno dei più forti al mondo. Io di portieri me ne intendo. Lui ha comunque 21 anni e non va dimenticato".

GRAVILLON - "Siamo un gruppo di lavoro, lui ha un agente francese che lo ha portato in Italia. Lo seguiamo. Lui ha delle qualità eccezionali. A Pescara gli hanno dato quella fiducia di cui aveva bisogno. Si è parlato del Napoli ma è ancora prematuro. Non bisogna dimenticare poi che l’Inter ha sempre una prelazione sul giocatore, visto che viene dal suo settore giovanile".

REDAZIONE