Juve, Ronaldo effetto notte: ai quarti non sbaglia mai

 

09:25 - MARTEDÌ 16 APRILE 2019

TORINO - All’Allianz Stadium la squadra che può contare su Cristiano Ronaldo parte con un gol di vantaggio sugli avversari. Lo dicono i numeri, che danno una bella spinta alla Juventus in vista del match di ritorno dei quarti di fi nale di stasera. L’Ajax dei giovani talenti non sarà un avversario facile, ma Max Allegri ha dalla sua parte il fuoriclasse portoghese, che, oltre ad essere il miglior realizzatore della storia della Champions (125 centri più uno nei preliminari), è capace di esaltarsi quando si esibisce nello stadio sorto dalle ceneri del Delle Alpi. Prima con la maglia del Real e poi con quella della Juventus vi si è esibito in 19 occasioni e ha messo insieme uno score da brividi: 17 reti segnate e 10 assist serviti ai compagni.


CINQUE ANNI E MEZZO DI GOL - CR7 ha timbrato il cartellino in quasi tutti gli stadi dove ha giocato e ha mostrato un po’ ovunque la sua immensa classe, ma è innegabile che allo Stadium abbia probabilmente il ricordo della rete più bella della carriera, quella rovesciata da cineteca nel quarto di fi nale dello scorso anno. Dodici mesi fa, in Juventus-Real 0-3, il fenomeno di Funchal era un avversario, ma il popolo bianconero si alzò tutto in piedi per salutare la sua prodezza. Aveva già segnato allo Stadium in altre due occasioni (il 5 novembre 2013 nella fase a gironi e il 5 maggio 2015 nella semifi nale d’andata). Il 3 aprile 2018 con la rete dell’1-0 e soprattutto con quel gesto tecnico al quale l’Uefa ha assegnato il premio come miglior gol del 2018 ha stregato i suoi futuri sostenitori. In tutto quattro centri in tre gare di Champions con indosso la camiseta blanca, ma il meglio doveva ancora venire.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport