Chelsea-City, Sarri: «Mai battuto Guardiola». Pep: «Test durissimo»

 

ROMA - "Come si batte il Manchester City? Con Guardiola ho perso sempre, forse dovreste chiedere a qualcun altro". Maurizio Sarri sorride in vista del big match di domani contro la capolista della Premier. Fra i due tecnici c'e' grande stima ma la classifica vede oggi i Citizens a +10. "Ma in realta' siamo partiti con 30 punti di differenza e stiamo lavorando duro per ridurre questo gap. Penso che stiamo migliorando ma e' difficile colmare questo divario. Abbiamo iniziato la stagione benissimo ma ora dobbiamo affrontare alcune difficolta' che e' normale, pensiamo a risolvere problema per problema, giorno per giorno". Sarri ritiene che nelle ultime partite il Chelsea sia mancato in determinazione "e bisogna cambiare la mentalita' di 25 teste per cambiare modo di giocare, una cosa che non si fa in un giorno e lo si e' visto anche a Liverpool e a Manchester. Abbiamo una lunga strada davanti".


L'avvio di stagione dei Blues aveva forse illuso troppo ma non Sarri. "Probabilmente siamo stati bravi a vincere delle partite nonostante alcuni problemi, oggi stanno spuntando delle nuove difficolta' ma sapevo che prima o poi sarebbe successo. Pensavo accadesse nei primi due mesi ma abbiamo giocato bene e fatto punti, per cui ero certo che i problemi sarebbero sorti a novembre o dicembre". Il tecnico del Chelsea precisa anche alcune dichiarazioni fatte su Kante: "quando abbiamo vinto, la posizione di N'Golo andava bene.Al momento non stiamo vincendo per cui e' normale dire che i ragazzi stanno giocando male o sono fuori ruolo... Ma il nostro obiettivo e' diventare la miglior squadra d'Europa, per cui dobbiamo migliorare e crederci". Tra l'altro, tornando all'ultima gara persa coi Wolves, "abbiamo gestito bene la partita per 50 minuti, poi abbiamo avuto un blackout in cui siamo andati in difficolta', loro hanno fatto cinque tiri ma solo due in porta ed entrambi sono stati gol e non siamo stati in grado di reagire". E contro il City, anche se il pronostico non e' dalla parte del Chelsea, Sarri non vuole partire battuto. "Sara' una partita molto importante e molto difficile, contro forse la miglior squadra in Europa. Non li battiamo da tempo ma tutto puo' succedere in una partita secca".

PEP: SARRI, GRANDE LAVORO - "Non siamo i migliori d'Europa. Per esserlo bisogna vincere la Champions e noi non lo abbiamo fatto". Pep Guardiola ringrazia Maurizio Sarri per i complimenti ma ritiene che il suo Manchester City non sia ancora al top del calcio europeo. Domani, intanto, i due tecnici torneranno a sfidarsi e per il collega Guardiola ha solo parole al miele: "sta facendo un lavoro eccellente, la gente non sa quanto sia difficile creare uno stile di gioco". Il City si reca a Stamford Bridge da imbattuto in Premier e con appena 4 punti persi in 15 gare ma davanti a chi pensa che possa chiudere il campionato a zero sconfitte, Guardiola frena: "non mi interessa. A me interessa solo la prossima partita, provare a vincerla e giocare bene". Il piu' grosso pericolo che il City deve affrontare e' "pensare che non sia necessario migliorare. La mia squadra e' ottima ma possiamo fare meglio e domani ci aspetta un altro test durissimo. Affronteremo una delle squadre migliori della Premier in uno degli stadi piu' importanti e mi aspetto un Chelsea che gioca con intensita', con impegno come sempre". Ancora out sia Aguero che De Bruyne. (in collaborazione con Italpress) Corriere dello Sport.