Il messaggio della Curva per Adl: «Il Napoli rappresenta una città»

‘Data la strumentalizzazione delle nostre azioni, vogliamo far chiarezza sui motivi delle nostre recenti proteste’. Comincia così il lungo volantino fatto girare in rete nelle ultime ore e firmato Ultras Napoli 1972, un gruppo di tifosi presenti in Curva B. Nel comunicato della tifoseria, una serie di suggerimenti alla società azzurra e ad Aurelio De Laurentiis. ‘Le principali ragione di questa contestazione sono da ricercare nelle parole e nelle azioni del presidente Aurelio De Laurentiis, il quale non perde mai occasione di infangare Napoli ed i napoletani. Non siamo così ipocriti da dire che la nostra sia una città priva di problemi e contraddizioni, ma le sue sono accuse infamanti e colpiscono un popolo che dovrebbe ringraziare, piuttosto che denigrare’.
‘D’altre parte, queste parole vanno a braccetto con le politiche societarie, mai tese a favorire una tifoseria che vive di passione!’, si legge ancora. ‘Tutto ciò ha causato un distacco tra il Napoli calcio e i napoletani, lo stadio vuoto ne è l’emblema. Non dimentichiamo che, fino a qualche anno fa, il San Paolo era sempre pieno e lottavamo in tutt’altri palcoscenici! Ciò che vorremo far capire ad ADL è che non è solo un capo di un’azienda: il Napoli rappresenta una città, una passione e ha una lunga tradizione. Egli sembra odiare Napoli ed i suoi abitanti, e ha più volte rinnegato la storia del nostro club’.
Poi i consigli della tifoseria: ‘La nostra vuole essere una protesta costruttiva, finalizzata a ristabilire un rapporto che appare fortemente incrinato. In tal senso pretendiamo rispetto per Napoli e la sua gente, inoltre suggeriamo:
– Maggiore sviluppo del settore giovanile, con la creazione di un centro sportivo degno di questo nome.
– Politiche societarie tese a favorire la tifoseria (campagna abbonamenti, prezzi dei biglietti consoni al nostro tessuto sociale).
– Allenamenti periodici a porte aperte.
– Presentazione della squadra in una piazza della città.
Qualsiasi altra iniziativa in questa direzione è ben accetta. Non chiediamo investimenti folli, ma di provare almeno a lottare quando c’è la possibilità. E di risvegliare il senso di appartenenza a questa città’ – lo riporta  Il Mattino.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy