Mazzarri: "Milan impressionante. Servirà il miglior Belotti"

 
Mazzarri

"Non era facile a Verona. In generale, sono soddisfatto di quanto visto: è mancata solo la cattiveria negli ultimi 30 metri. Proprio in questo dobbiamo ancora migliorare, perché queste sono partite da portare a casa". Dopo tre vittorie consecutive e il pareggio con il Chievo, Walter Mazzarri vuole tornare al successo e punta a un altro colpo grosso dopo i tre punti conquistati contro l'Inter. Domani all'Olimpico sarà infatti il turno dell'altra milanese: "Loro sono una grande squadra, per noi sarà un'altra importantissima verifica", spiega il tecnico nella conferenza della vigilia.

CHE MILAN — L'obiettivo, ovviamente, sarà il bottino pieno. Anche per riaprire, chissà, il discorso europeo. Argomento che però il tecnico di San Vincenzo preferisce bypassare: "Sapete che preferisco non parlarne. Penso solo a vincere contro il Milan, che contro il Napoli mi ha impressionato. La rosa è molto forte, sappiamo tutti che tipo di mercato hanno condotto l'estate scorsa. Dobbiamo dare tutto, poi i conti si faranno al 90'".



SINGOLI — "Quando si gioca ogni tre giorni non è semplice. Gli infortunati stanno pian piano rientrando. Questo è molto positivo, ma poi devono recuperare la forma". Plauso per Baselli e Falque: "Daniele sta rispondendo alla grande, di lui sono molto contento. È un centrocampista completo e un ragazzo intelligente, deve continuare così. Iago è fondamentale, è l'attaccante che sta rendendo di più. Non potrei mai tenerlo fuori". Su Niang: "Vale il discorso che ho sempre fatto per Ljajic, che ora ha capito quello che voglio: lo valuterò quando starà bene, sperando possa tornare a rappresentare un valore aggiunto. Ora deve pensare a ritrovare la totale condizione, poi dovrà dimostrare. Rincon? Giocatore di assoluta affidabilità, che si sacrifica per la squadra. Qualche momento di appannamento può starci, per noi è utile e lo sarà sempre. Sta bene, come NKoulou". Chiosa su Ljajic: "Vederlo come seconda punta? Quando sono arrivato ho dovuto valutare molte cose, ma adesso abbiamo raggiunto la quadra. La squadra sta rispondendo e per me sono importanti gli equilibri, ci sarebbero dei rischi nell'utilizzo di troppi giocatori offensivi". Su Sirigu, protagonista di un grande campionato: "Un portiere super, da sempre. Non faccio paragoni con gli altri, dico che è forte e sono contentissimo di averlo con me". Torino, Cairo: "Col Milan grande attenzione, mi aspetto una bella partita"

BELOTTI — Conclusione dedicata al proprio capitano: "Ha superato l'infortunio, ora deve trovare la continuità. Soprattutto nell'essere utile alla squadra, non mi riferisco solo al gol. Quando lo vedo "in palla" sono tranquillo. Spero domani possa far di più rispetto a Verona, per avere la meglio su una squadra come il Milan abbiamo bisogno del miglior Belotti". A proposito di mercato: "Resterà anche l'anno prossimo? Vorrei sempre tenere i migliori. Per proseguire un certo tipo di crescita bisognacercare di fare un bel mercato, intelligente. Sempre nel limite del possibile. L'ambiente è ambizioso e dobbiamo portare il Torino sempre più in alto. E questo passa dai giocatori più importanti". Gazzetta.

 ACCEDI QUI per visualizzare i commenti

ACCEDI all'area riservata per visualizzare i commenti