Udinese, Oddo: "La gara decisiva è quella col Crotone. Si sentirà l'assenza di Koulibaly, ma..."

Massimo Oddo ha presentato in conferenza stampa il match Napoli-Udinese di domani sera

 
Udinese

Massimo Oddo, allenatore dell'Udinese, ha parlato in conferenza stampa per presentare la sfida del San Paolo contro il Napoli: "Non stiamo bene ma dobbiamo cercare di pensare positivo e fare il massimo. Domani è una gara importante, sebbene decisiva sarà quella di domenica. Avendo anche problemi fisici e giocatori in diffida, bisogna gestire anche queste situazioni. Non possiamo presentarci con il Crotone decimati. Andiamo con i ragazzi che stanno bene, e basta".

SCANSARSI O GIOCARE - "A me non interessa quello che dice la gente, a me interessa portare a termine il lavoro, cioè questa squadra alla salvezza. La gente non può sapere chi rischia di non giocare poi a Crotone. Io mi prendo le mie responsabilità, come delle scelte. A me quello che pensano gli altri non frega niente. Guardo il mio obiettivo, non quello delle altre squadre. Poi non andiamo a Napoli rassegnati, ma considerando la partita seguente".



LE COLPE - "Non posso esimermi dalle colpe, ma nemmeno prendermele tutte. Ho le mie responsabilità, ma vanno suddivise. Non sono un piangione, non vado in conferenza a piangere. Quello che devo dire lo dico alla società, non posso sventolare ai quattro venti ciò che volevo fare. L'allenatore si mette a disposizione del club".

OUT KOULIBALY - "Può pesare la sua mancanza in difesa perché è un giocatore importantissimo ma dal Napoli mi aspetto lo stesso atteggiamento di sempre. La Juventus ha ancora un paio di partite complicate. Sei punti sono tanti, ma con lo scontro diretto... sono certo che il Napoli non mollerà".

LE CONDIZIONI DI DE PAUL - "Lo porto in panchina, perché siamo corti. In caso di necessità, dovesse servire per 20-25 minuti magari lo schiero".

REDAZIONE

 ACCEDI QUI per visualizzare i commenti

ACCEDI all'area riservata per visualizzare i commenti