Coppola: "Necco era un uomo di cultura, amava il suo lavoro. Napoli? Società non adeguata"

Coppola: "Necco era un uomo di cultura, amava il suo lavoro. Napoli? Società non adeguata". Le parole

 
Coppola

A radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Gianfranco Coppola, giornalista

“Necco era un uomo comune e traspariva la sua grande cultura prestata allo sport. Luigi era famoso tra di noi proprio per la sua cultura e nello sport trasferì quella carica umana. Ha dato tanto alla Rai, l’ho visto spesso addormentarsi in redazione perché viveva con passione il lavoro, ma quella passione da debuttante.
Il Napoli deve avere una struttura societaria che non ha, al momento c’è solo Sarri che si esprime da solo e non ha mai un filtro davanti”.

REDAZIONE

 ACCEDI QUI per visualizzare i commenti

ACCEDI all'area riservata per visualizzare i commenti